News e link utili

Benvenuto!

Consultando questa pagina sarai aggiornato con alcune delle notizie più recenti e importanti del settore legale. 

Di seguito alcuni link utili: 

Ordine Avvocati di Brescia

Corte di Cassazione 

europa.eu

 

 

 

Testamento biologico. Consenso informato e DAT.

Dal 31 gennaio 2018 è entrata in vigore la L. 2 dicembre 2017 n. 219 recante"norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento".

La legge, nel rispetto dei principi di cui agli artt. 2, 13 e 32 della Costituzione e degli artt. 1, 2 e 3 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, tutela il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all'autodeterminazione della persona e stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, ad eccezione dei casi espressamente previsti dalla legge.

L'importante innovazione apportata dalla legge consiste nell'introduzione della disciplina delle "DAT", ossia delle "disposizioni anticipate di trattamento".

L'art. 4 della stessa legge prevede che ogni persona, maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, e solo dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte può, con le DAT, esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari nonchè il consenso od il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari.

La legge prevede la possibilità (non l'obbligo) di nominare un "fiduciario" che rappresenti il disponente nelle relazioni con il medico e con la strauttura sanitaria.

E' importante sottolineare che per essere valide, le DAT devono essere redatte per atto pubblico o per scrittura privata autenticata ovvero per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente presso l'ufficio dello stato civile del comune di residenza del disponente medesimo.

Ove le condizioni fisiche del paziente non lo consentano, le DAT possono essere espresse attraverso videoregistrazione o dispositivi che consentano alla persona con disabilità di comunicare.

Con la stessa forma esse sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.